La pallina presuntuosa

Andare in basso

La pallina presuntuosa

Messaggio Da terry il 24th Marzo 2008, 11:13



La pallina presuntuosa
Il Mago Ascanio era tanto vecchio quanto saggio e girava continuamente il mondo col suo maestoso carro volante, alla cui guida vi erano due grandi aquile.
Un giorno passò da una vecchia villa disabitata; si fermò e volle visitarla. La polvere e le ragnatele erano dappertutto e i mobili erano consumati dai tarli.
Il Mago pensò di ridarle vita e, pronunciata la formula magica, subito i mobili cominciarono a splendere, la polvere e le ragnatele sparirono, alle uscite dei balconi comparvero tende pregiate di broccato, sui tavoli negli ampi saloni apparvero tovaglie ricamate e servizi di piatti e posate in cristallo e argento.
Il Mago Ascanio, molto soddisfatto della sua opera, pensò anche di porre nel salone principale un grande albero di Natale, visto che mancava solo una settimana a questa grande ricorrenza. L’albero grandissimo contava decine e decine di palline colorate e luccicanti.
Ascanio pensò così di metterle alla prova; ebbe un’idea e quindi disse loro:
“Sta per avvicinarsi il Natale e ho pensato di farvi un regalo; la notte di Natale passerò di qui e con la mia bacchetta magica metterò dentro a ciascuna di voi una pietra preziosa che io stesso sceglierò”.
Ascanio se ne andò, lasciando le palle dell’albero incuriosite. Quasi al vertice vi era un’enorme palla di un bel rosa vivo, lucente più delle altre, la quale conscia della sua bellezza, cominciò a pavoneggiarsi e a dire alle sue vicine:
“Sicuramente il Mago mi assegnerà la pietra più bella; io la merito perché sono posta più in alto rispetto a tutte voi e poi basta guardarmi per vedere che sono anche la più bella”.
Le altre palline si guardavano tra loro infastidite e tacevano.
Venne dunque la notte di Natale e ogni pallina colorata ebbe la sua gemma, come Ascanio aveva promesso. La mattina dopo tutti gli addobbi dell’albero si svegliarono e con essi anche le palline; ebbene, la loro gioia fu immensa quando ciascuna si trovò dentro una gemma: alcune avevano avuto un rubino, altre uno zaffiro, altre ancora una ametista o una giada o un’acquamarina. Ma ancora più grande fu la meraviglia della grande palla posta in alto, la quale si ritrovò vuota. Stava per urlare di rabbia quando arrivò il Mago, che parlò a tutte dicendo:
“Ho voluto mettervi alla prova; sapevo che qualcuna di voi, trovandosi più in alto e vedendosi più grande di tutte le altre, avrebbe ostentato la sua bellezza pretendendo di essere premiata. Questo purtroppo succede spesso anche tra gli esseri umani, che non hanno il dono dell’umiltà; essi sanno solo vantare pregi che a volte non hanno nemmeno, ma dentro sono molto molto poveri”.

Morale: “Generalmente chi è presuntuoso è vuoto dentro”.




inviata da Maria Campeggio degli Amici del Forum di Pinu




illustrazione di Luigi Del Greco (Ionelblu) degli amici del forum di pinu
avatar
terry
Admin

Numero di messaggi : 946
Localizzazione : Abruzzo
Data d'iscrizione : 09.10.07

Visualizza il profilo http://lagentedimare.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum